Assassinato dai cattocomunisti ad Hammamet.
Da martire e profeta ha consumato la sua vendetta, facendo cancellare quasi completamente il PD, la continuazione dei cattocomunisti e facendo ascendere al cielo molto golpisti sia magistrati che editori. Da adesso in poi i socialisti del garofano rosso potranno riportare l’Italia ad essere la quarta potenza economica del mondo e non più la sedicesima come ci hanno ridotto i cattocomunisti.
Bettino non riposare ancora in pace, devi finire il lavoro contro i cattocomunisti e riportare i socialisti al governo del paese e delle regioni.
Grazie per tutto il bene che hai fatto agli Italiani.
Ricordati che sei cittadino onorario della città di Aulla dove troneggia la tua statua nella prima piazza a te dedicata quando eri ancora in vita, anche se in esilio.

Lucio Barani
(Segretario nazionale NUOVO PSI)

Di Staff

Un pensiero su “Oggi sono 23 anni dall’assassinio di Bettino Craxi: il più grande statista che l’Italia abbia avuto.”
  1. Ci manca. Craxi era un ostacolo a quel potere tecno-finanziario (che nulla ha a che fare col lavoro di imprenditori, operai, commercianti, artigiani…) che ambiva, caduto il muro di Berlino, a prendere in mano le ricchezze del mondo, partendo dai paesi più fragili e divisi. Doveva essere eliminato e ci sono riusciti, così come già capitato ad altri importanti politici, giornalisti, economisti… Giorno dopo giorno vediamo e viviamo sulla nostra pelle i risultati degli anni ’90 (anni belli per la mia giovinezza, ma incubatori di tanti problemi odierni)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *